24) Anteprima. Cosa ne pensate?

Da oggi comincio ufficialmente la revisione del romanzo che vorrei pubblicare nei prossimi mesi.
Ecco le prime righe del prologo.

Andrea si svegliò, aveva dormito bene quella notte, si sentiva molto riposato e pronto a vivere una meravigliosa giornata con Sara, sua moglie. Erano sposati da dieci anni, dopo un modesto viaggio di nozze, due giorni a Venezia, causa una precaria condizione economica, si erano ripromessi di recuperare la loro luna di miele dopo un paio d’anni, quando entrambi avessero trovato un’occupazione stabile, ma poi il lavoro li impegnava troppo e in seguito alla nascita di Luca il loro desiderio era definitivamente tramontato.
Finalmente ecco il momento: il loro bimbo stava fuori casa per la prima volta senza dover essere accompagnato per una brevissima gita scolastica, così erano riusciti a ritagliarsi due giorni di puro romanticismo e relax solo per loro sul lago di Garda, godendosi il clima mite e piacevole di fine maggio.
Ancora mezzo addormentato aprì gli occhi e si accorse che il sole spiccava già alto nel cielo, i raggi penetravano attraverso la tenda a fiori variopinti che copriva la finestra. Guardò l’orologio: «Le nove? – pensò – strano che Sara non mi abbia svegliato, ci tenevo a salutare Luca prima che partisse».
Dopo un’ultima strofinata agli occhi, Andrea prese i suoi inseparabili occhiali dal cassetto del comodino e si alzò. Conoscendo Sara, stava preparandogli una sorpresa: sicuramente lo aspettava in sala emozionata e pronta per partire.
Indossò velocemente un paio di jeans e la maglietta azzurra, quella con il colletto, che a sua moglie piaceva tanto. Era davvero felice di poter trascorrere due giorni meravigliosi con la donna che amava alla follia proprio come il primo giorno.
Uscì dalla camera da letto fischiettando: «Amore dove sei? Pronta per partire? Non vedo l’ora di vivere due giorni da sogno con te piccolina mia». Il silenzio regnava in casa, dopo un po’ di battute rivolte alla moglie, credendo di essere vittima di uno dei suoi tanti scherzi, si rese conto di essere solo”.
(…)

Cosa dite, vi incuriosisce?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.